Posts Taggati ‘alici di menaica’

DSC00741

ALICI DI MENAICA

L’Azienda Alici di Menaica nasce nel 2002, come laboratorio artigianale di produzione e vendita di prodotti ittici.

La donominazione delle alici – presidio Slow Food – deriva dal tipo di reteutilizzata durante la pesca, chiamata, appunto, menaica. Una volta pescate, le alici vengono immediatamente lavorate, confezionate e messe a stagionare, per garantire un prodotto d’eccellenza.

• Produzione di Alici di Manaica sotto sale

• Produzione di Colatura di Alici di Menaica

• Produzione di Alici marinate

• Produzione di Tonno Alalunga in olio extravergine di oliva

• Possibilità di partecipare a laboratori didattici –previa prenotazione

CONTATTI

Donatella Marino

Tel./Fax: +39 0974 64 281/0974 64 282

Cell.: +39 347 44 39 102

Email: a.tartana@gmail.com

Sito web: www.alicidimenaica.it

Indirizzo: Via Lungomare Colombo n.31 84066 Marina di Pisciotta  (Salerno)

Trieste Fish Very Good

slow food a trieste fish very good Assunta Niglio Alici di Menaica triglia rossa di Licosa slow food a trieste fish very good Assunta Niglio Alici di Menaica triglia rossa di Licosa slow food a trieste fish very good Assunta Niglio Alici di Menaica triglia rossa di Licosa slow food a trieste fish very good Assunta Niglio Alici di Menaica triglia rossa di Licosa slow food a trieste fish very good Assunta Niglio Alici di Menaica triglia rossa di Licosa slow food a trieste fish very good Assunta Niglio Alici di Menaica triglia rossa di Licosa slow food a trieste fish very good Assunta Niglio Alici di Menaica triglia rossa di Licosa slow food a trieste fish very good Assunta Niglio Alici di Menaica triglia rossa di Licosa slow food a trieste fish very good Assunta Niglio Alici di Menaica triglia rossa di Licosa slow food a trieste fish very good Assunta Niglio Alici di Menaica triglia rossa di Licosa slow food a trieste fish very good Assunta Niglio Alici di Menaica slow food a trieste fish very good Assunta Niglio Alici di Menaica triglia rossa di Licosa Trieste Fish very Good slow food a trieste fish very good Assunta Niglio Alici di Menaica slow food a trieste fish very good Assunta Niglio Alici di Menaica slow food a trieste fish very good Assunta Niglio slow food a trieste fish very good Assunta Niglio Triglia Rossa di Licosa slow food a trieste fish very good Assunta Niglio Triglia Rossa di Licosa slow food a trieste fish very good Assunta Niglio Triglia Rossa di Licosa slow food a trieste fish very good Assunta Niglio Triglia Rossa di Licosa slow food a trieste fish very good Assunta Niglio Alici di Menaica slow food a trieste fish very good Assunta Niglio Alici di Menaica slow food a trieste fish very good Assunta Niglio Alici di Menaica

Trieste Fish Very Good

Il GAC Costa del Cilento è stato presente da venerdì 4 a domenica 6 settembre al Molo Audace di Trieste per la prima edizione di “Fish Very Good – Salone a Miglio Zero”.

Qui sono stati realizzati Laboratori del Mare con attività di didattica e informazione a cura di Caterina Manzione per Legambiente Campania e Teatri del Gusto con le Alici di Menaica e la Triglia rossa di Licosa a cura di Assunta Niglio per Slow Food Campania, alle attività ha partecipato il Direttore del Gac Salvatore Marisei.

E’ stato inoltre distribuito materiale informativo e proiettati filmati sul territorio realizzati dal GAC Costa del Cilento.

alici di menaica

C’è un’antichissima tecnica di pesca, un tempo diffusa su tutte le coste del Mediterraneo, che sopravvive in pochi luoghi, in Italia. Uno di questi è il Cilento, in particolare a Marina di Pisciotta, un piccolo borgo sulla costa, a metà strada tra Velia e Capo Palinuro e a Pollica, nella frazione di Acciaroli. Questa tecnica sopravvive grazie a un ridotto gruppo di pescatori che escono in mare la notte con barca e rete (entrambe si chiamano menaica o menaide, anticamente minaica). Le “alici di menaica” si pescano nelle giornate di mare calmo, tra aprile e luglio: si esce all’imbrunire e si stende la rete sbarrando il loro percorso al largo. La rete le seleziona in base alla dimensione, catturando le più grandi e lasciando passare le piccoline. (Fonte: Archivio Fondazione Slow Food – Riproduzione limitata)